PESCE D’APRILE – Algoritmo di intelligenza artificiale scopre la “logica” dei numeri primi

0

A differenza di tutti gli articoli pubblicati su W1S3.com, in questo post pubblicato il primo aprile sono riportate alcune informazioni non vere, inventate dall’autore per fare un “pesce d’aprile” ai nostri appassionati lettori. (02/03/2016)

Dopo secoli di tentativi compiuti dalle più brillanti menti di tutti i tempi, un ingegnere informatico italiano, è riuscito a scrivere una pagina storica della matematica: ha elaborato un originalissimo metodo per l’individuazione dei numeri primi.

Dopo appena due mesi dall’annuncio della scoperta del numero primo di ben 22 milioni di cifre (ribattezzato “M74207281M74207281”), gli appassionati di tutto il mondo sono tornati a sognare.

tabella-numeri-primi-quali-sono
Il “grattacapo” numerico è stato fatto risolvere ad un algoritmo di Machine Learning -ribattezzato POISS-ON dal suo creatore, l’Ing. Giuseppe Pesci– che dopo appena tre mesi di addestramento, è riuscito ad individuare una costante nella distanza progressiva dei numeri primi successivi a 2.991.707 .
La redazione di W1S3.com è riuscita -dopo numerosi tentativi- a contattare telefonicamente l’Ing.Pesci, che ci ha gentilmente concesso una breve intervista telefonica, da cui sono emersi due dettagli importantissimi che sono stati (a nostro avviso colpevolmente) omessi dalle principali agenzie di stampa che hanno riportato la notizia: l’algoritmo è in grado di calcolare con esattezza un numero primo sufficientemente grande, ma l’Ing. Pesci non è ancora riuscito a scoprire l’entità della costante individuata da POISS-ON.

«Sono molto orgoglioso di aver contribuito indirettamente ad una ricerca internazionale che va avanti fin da tempi antichi – ha affermato Pesci – ma non me ne voglio attribuire nessun merito diretto, in quanto non sono ancora riuscito ad individuare la costante che POISS-ON sembra voler custodire gelosamente. Ho testato il mio algoritmo su numeri primi con moltissime cifre. Confrontando i risultati forniti con quelli noti, ho riscontrato che nel 100% dei casi i numeri coincidono».

Il secondo dettaglio emerso durante la piacevole telefonata, è che l’Ing.Pesci è un trent’ottenne disoccupato con la passione per l’intelligenza artificiale, e ha istruito l’algoritmo di machine learning dopo aver seguito un corso di aggiornamento gratuito della durata di 80 ore, organizzato dal Comune di Aprilia (Lt).
Per una foto esplicativa del presente articolo, si segnala il seguente LINK

Share.

About Author

Leave A Reply